Stati sociali e genitorialità: nell’evoluzione personale la chiave per essere buoni genitori

Oggi la nostra mental coach Chiara Pardini ci accompagna in un viaggio attraverso gli stati sociali – single, di coppia e di genitore – per cercare di capire come essere buoni genitori.

 

Ogni essere umano nasce in specifiche condizioni sociali ed emozionali. Nel corso della vita, l’ambiente circostante e queste condizioni determinano quello che si può definire “lo stato sociale” preferenziale con cui un individuo si identifica e in cui si sente più a suo agio.

La scelta dello stato sociale a cui ci si sente di appartenere forma il carattere e lo stile di vita di un individuo, influenzando in modo determinante l’approccio alle relazioni e alla vita stessa. Gli stati sociali possibili sono tre: quello di single, quello di coppia e quello di genitore. In cosa si differenziano?

Le persone che si evolvono conservando lo stato sociale di single, sono indipendenti e amano la loro libertà. Sono persone a cui costa più fatica condividere il proprio spazio e il proprio tempo, si sentono felici nel loro raccoglimento. Di conseguenza, nel momento in cui dovessero crearsi una famiglia, saranno propensi a educare i propri figli all’indipendenza, così come lo sono loro.

Coloro che invece appartengono allo stato di coppia, sono persone che trovano il proprio completamento proprio all’interno di una coppia. Tenderanno alla condivisione di ogni attività e ogni decisione con il proprio partner, formando un nucleo molto stretto che spesso basta a se stesso. Infatti, non sempre viene sentita l’esigenza di un figlio in persone che vivono in questo sociale. Addirittura può succedere che nel momento in cui arriva un figlio, il partner potrebbe lamentarsi di non ricevere più la stessa attenzione che aveva prima dal proprio compagno/a, destabilizzando il rapporto. Oppure, nel caso in cui l’arrivo di un figlio sia benvoluto, le persone con lo stato sociale coppia educheranno i propri figli alla condivisione totale.

Diverso è il caso delle persone che si identificano nello stato sociale del genitore. Benché all’apparenza si possa pensare di appartenere a questa categoria nel momento in cui desideriamo o abbiamo un figlio, non tutti sono in grado di essere davvero nello stato del genitore.

Nello stato sociale genitore la coppia si è formata già con la capacità genitoriale e quindi è già presente la capacità di accogliere un nuovo elemento per integrarlo nell’amore dei due partner, come se fosse un loro prolungamento. Chi appartiene naturalmente a questo stato preferenziale, condivide facilmente i propri spazi, le proprie cose e le proprie relazioni ma fa un passo in più rispetto agli altri due stati.

Poiché sono in grado di condividere il loro amore con i figli, questi non andranno a sostituire l’amore che i genitori provano per il proprio partner, ma lo completeranno, creando il vero concetto di famiglia. Queste persone tenderanno a educare i propri figli nell’ottica del rispetto, della cooperazione, della tolleranza e della comprensione, dove ogni membro della famiglia riceve la stessa attenzione.

Essere un buon genitore richiede la capacità di passare attraverso tutti e tre gli stati sociali in modo versatile, compiendo così un’evoluzione personale e di coppia in grado di garantire un’educazione e una crescita adeguata ai propri figli, che un domani diventeranno adulti a loro volta.

Chiara Pardini

Life Coach

Chiara Pardini è specializzata nello studio del carattere e della personalità. Utilizza diversi metodi tra cui l’Enneagramma e la fisiognomica. Tra le sue specializzazioni ci sono quelle di trainer di PNL, mediatore familiare, life coach e counselor olistico. È l’ideatrice del Metodo Timelight®, specifico per lo sviluppo del potenziale umano.

 

 

 

CONTATTI

Studio Timelight Via San Francesco, 57 – Viareggio

Email chiaratimelight@gmail.com  Telefono +39 338.71.67.676 Sito web www.chiarapardini.it

Facebook @chiarapardini.metodotimelight/

Instagram chiarapardini_mentalcoach

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *