Trauma dentale nei bambini: cosa fare?

Il trauma dentale è un evento molto frequente nei bambini e oggi la nostra odontoiatra Irene Monterotti ci spiega quali sono i primi interventi da mettere in atto in caso di incidenti di questo tipo.

 

Negli ultimi anni, nei bambini e nei ragazzi in età evolutiva, è aumentata la prevalenza di eventi traumatici che coinvolgono il viso ed in particolare i denti. Ciò è dovuto al dinamismo della vita quotidiana, al maggior coinvolgimento dei ragazzi in attività ludiche e sportive agonistiche e non, all’aumentato uso di veicoli motorizzati da parte degli adolescenti.

Scuola, ambiente domestico, sportivo e stradale sono le sedi dove con maggiore frequenza avvengono i traumi, soprattutto in estate.

Cosa fare allora?

In caso di traumi dentari è necessario tranquillizzare il piccolo paziente, il bambino/ragazzo spesso è provato dal punto di vista emotivo a causa dell’ansia e della paura che la caduta ha provocato.

Quindi eliminare eventuali residui di sangue e valutare attentamente l’entità del danno riportato:

Lussazione: dente che si muove.

Avulsione: perdita di tutto il dente.

Intrusione: il dente risale dentro la gengiva.

Frattura o scheggiatura.

 

TRAUMA DEI DENTI DA LATTE

Se il dentino si muove, si è spostato da una parte o è uscito completamente è importantissimo non reimpiantarlo! Raccogliere il dentino per farlo vedere al dentista ma non provare a rimetterlo dentro!

Se si è rotto un pezzettino, questo va conservato in soluzione fisiologica sterile oppure nel latte freddo oppure nella saliva; il dentista proverà poi ad incollarlo.

 

TRAUMA DEI DENTI PERMANENTI

Se il dente si muove o è uscito in parte, riposizionarlo al suo posto e tenerlo fermo mordendo delicatamente un fazzoletto per 15 minuti e poi andare subito dal dentista.

Se il dente è uscito completamente (anche la radice) cerca il dente e non toccarlo sulla radice, tienilo per la corona! Va poi sciacquato sotto acqua fredda o soluzione fisiologica e riposizionalo subito al suo posto. Hai pochi minuti per farlo, devi essere veloce! Mordi delicatamente un fazzoletto per tenerlo fermo e corri dal dentista.

Se non è possibile reimpiantarlo subito il dente va conservato nel latte freddo o saliva e portato dal dentista (entro 2-3 ore) che provvederà a reiserirlo. Lo stesso procedimento di conservazione va bene anche nel caso si sia rotto un frammento di dente.

In ogni caso è fondamentale intervenire tempestivamente e pianificare un protocollo di controlli a distanza al fine di escludere l’insorgenza di complicanze.

Fonte: LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE CLINICA DEI TRAUMI DENTALI NEGLI INDIVIDUI IN ETA’ EVOLUTIVA (Ministero della Salute Febbraio 2018).

 

Dr.ssa Irene Monterotti

Odontoiatra  

La dottoressa Irene Monterotti si è laureata a Pisa con 110 e lode e da subito si è dedicata all’attività clinica con tanta passione. Nel 2008, presso l’università di Pisa, ha conseguito il master universitario di II livello in chirurgia orale e urgenza odontostomatologica. Ha affiancato il lavoro “alla poltrona” a numerosi corsi di formazione sia in Italia che all’estero; ad aprile 2016 ha frequentato il prestigioso corso negli USA (Los Angeles) del prof Jhon Chao sulla rivoluzionaria tecnica per il trattamento delle recessioni gengivali, la Pinhole tecnique.
Nel suo studio a Castelnuovo Garfagnana ha concretizzato la sua idea di odontoiatria moderna: coordinare e dirigere un centro dove collaborano un team di specialisti in grado di offrire al paziente un piano di trattamento personalizzato e di alta qualità.

Per info visita il SITO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *