Una buona colazione: 10 consigli per introdurre questa sana abitudine in famiglia

La colazione è considerata il pasto più importante della giornata per molte ragioni: le persone che mangiano regolarmente una colazione sana e bilanciata tendono a concentrarsi meglio, sono più attive fisicamente, riescono a tenere sotto controllo il peso e hanno un miglior livello di colesterolo nel sangue. Questo vale anche per i bambini. Oggi la dietista Erica Baroncelli ci spiega i benefici di una sana colazione e ci offre alcuni utili consigli per far assumere questa importante abitudine a tutta la famiglia.

 

1- I genitori, per i bambini, sono un esempio. Se voi non fate la colazione è molto probabile che nemmeno i vostri figli la facciano. Siate voi i primi a dare il buon esempio. Le regole, in famiglia, valgono per tutti!

2- Rendete quel momento speciale. Apparecchiate la tavola con tazze, cucchiaini, piatti e tovaglioli colorati. Coinvolgete i vostri figli nell’apparecchiatura. Se la mattina il tempo stringe, fatelo la sera precedente, dopo aver cenato, prima di andare a dormire. Create un rituale di preparazione, create una nuova abitudine, divertitevi!

3- Mettete sulla tavola alcuni alimenti che piacciono a voi e ai vostri figli. Coinvolgeteli nella scelta.

4- Se la colazione non è mai stata fatta prima, non è necessario iniziare con la tipica colazione “internazionale”; i bambini si potrebbero scoraggiare vedendo molto cibo. Per cominciare l’abitudine della prima colazione è sufficiente mangiare anche solo un biscotto o qualche fettina di mela o un bicchiere di spremuta. Successivamente potranno essere aggiunti gli altri gruppi di alimenti. Non insistete, ne proponete troppe scelte. Due alternative sono sufficienti.

5- La scelta può essere dolce o salata sempre in base ai gusti dei bambini. Successivamente verrà migliorata la qualità della scelta.

6- Forse sarà necessario svegliarsi qualche minuto prima? Quanto prima pensate che sia necessario far alzare la famiglia? Forse, al solo pensiero di uscire dal letto un po’ prima, storcerete il naso. Lo capisco. Provate a pensare a quali benefici potrebbe godere tutta la famiglia alzandosi 10 minuti prima; il prezioso tempo passato insieme o la condivisione di quello speciale momento, prima di essere fagocitati dalla routine stressante del resto della giornata.

7- Anche alzandosi prima il tempo è poco? Una soluzione potrebbe essere quella di anticipare la scelta della colazione alla sera prima. Ad esempio è possibile mettere già sulla tavola qualche biscotto o la ciotola con i cereali già pronti ad accogliere il latte o lo yogurt o predisporre le arance già sbucciate in un contenitore in frigo pronte per essere centrifugate… insomma, limitiamo al massimo lo spreco di tempo.

8- Approfittate del fine settimana quando non c’è scuola e i ritmi rallentano un po’ per cucinare insieme ai vostri figli torte o biscotti da dedicare alla colazione per il resto della settimana successiva, per cucinare dei pancakes o altre colazioni che esulano dalla tradizione. Sperimentate, gustate e divertitevi insieme!

9- Se proprio non riuscite a mangiare prima di uscire di casa, una soluzione potrebbe essere quella di preparare in anticipo qualcosa che vostro figlio potrà portare con sé a scuola e che mangerà prima che inizino le lezioni e che voi potrete mangiare appena arrivati a lavoro.

10- All’inizio può essere utile programmare di fare almeno 2 colazioni a settimana, magari proprio quelle del fine settimana, per poi passare a 3 e così via, gradualmente. L’obiettivo finale è quello di fare colazione ogni giorno e fare in modo che diventi un piacere. Se vi dovesse capitare di essere tentati di saltare il vostro pasto mattutino, ricordate che fare una buona colazione ha molti vantaggi, per voi e per i vostri figli, adulti di domani.

 

Dr.ssa Erica Baroncelli

Dietista

Dopo la Laurea in Dietistica con il massimo dei voti, la dottoressa si è specializzata in “Disturbi del Comportamento Alimentare in età evolutiva” con un master di primo livello. Lo studio del Counselling Nutrizionale e Programmazione Neuro Linguistica, le ha offerto strumenti fondamentali per comunicare e comprendere il legame cibo-emozione-corporeità. Ultimamente sta studiando la Terapia Cognitivo Comportamentale per i Disturbi del Comportamento Alimentare, uno strumento essenziale per il trattamento di queste particolari problematiche legate al rapporto con il cibo. Come dietista si occupa del benessere delle persone, attraverso il miglioramento dello stile di vita. Questo approccio vale sia per gli adulti che per i bambini e gli adolescenti e vale in presenza e in assenza di patologie correlate all’alimentazione (diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, disturbi alimentari…), infatti in molti casi si parla proprio di dietoterapia. Oltre alla libera professione ambulatoriale, dal giugno 2015 fa parte del Comitato Scientifico di AIC (Associazione Italiana Celiachia) Toscana. Collabora con Confcommercio e Cescot come insegnante nei corsi di formazione per la ristorazione. Ha scritto il libro “Nutrirsi dei colori della natura”, edito da Pacini Fazzi Editore, un tuffo nei colori degli alimenti e delle loro proprietà nutrizionali.

CONTATTI:

Dott.ssa Erica Baroncelli Dietista(MSc.)
“Disturbi del comportamento alimentare in età evolutiva”
Counsellor Nutrizionale e Master Practitioner in PNL
Tel: 347-5065511
e-mail: ericabaroncelli@hotmail.it
VISITA IL SUO SITO 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *