La pedana sensoriale, l’invenzione di un papà lucchese per regalare il mondo dei suoni al figlio

Una pedana sensoriale capace di far sentire ai non udenti l’armonia della musica, ma anche i suoni della natura, del mare, fino agli effetti speciali dei film. L’ha inventata a Lucca Alfredo Di Gino Puccetti per aiutare il figlio non udente a mettersi in contatto con il mondo esterno. Oggi questo super papà ci parla della sua importante invenzione che in pochi anni ha già avuto moltissimi apprezzamenti in tutta Italia ed è diventata nota al grande pubblico grazie alla partecipazione al programma “Tù sì que vales”, dove è stata utilizzata da alcuni ragazzi non udenti per ballare una coreografia emozionante. 

 

Come, quando e perché è nata l’idea della pedana?

L’idea nasce dal bisogno di mettere mio figlio in contatto con il mondo dei suoni, fargli sentire con le vibrazioni che il papà ha una voce, che la mamma e i fratelli hanno una voce, e che sono tutte diverse; fargli capire che la musica si può toccare e si può percepire il movimento della melodia, il suono del mare, il crepitio del fuoco. Tutti i suoni si possono toccare. Dopo alcuni anni sono arrivato a costruire la Pedana.

Come funziona, di preciso?

La Pedana trasforma i suoni in vibrazione e suono grazie a un sistema a trasduzione brevettato. La vibrazione si forma sulla superficie: quando siamo su di essa, vibriamo con lei e le vibrazioni arrivano ai centri motori ed emozionali stimolandoli e portando beneficio. Può anche essere usata per amplificare qualsiasi tipo di apparecchio elettronico: l’input può essere preso da un tablet scaricando le app (pianoforte, batteria, suoni degli animali) da uno smartphone o dal computer. Può essere collegata alla tv così da avere uno stimolo vibrazionale e un coinvolgimento a 360 gradi. Quindi è sfruttabile anche da persone che non hanno problemi di udito, ci si può fare un ascolto corporeo, un rilassamento o una meditazione guidata reimparando ad ascoltare non solo con le orecchie ma con tutto il corpo.

Chi può usufruirne, quindi? Che utilizzi può avere?

Come ho detto, nasce per le persone sorde, ma da subito ci siamo accorti che può essere usata per terapia su persone con vari tipi di disabilità: paraplegici, tetraplegici, down, autistici e con gravi ritardi mentali, con ottimi risultati. La Pedana sensoriale può essere usata per fare musicoterapia, danzaterapia, psicomotricità, ascolto corporeo, logopedia e rilassamento. Anche su chi non ha nessuna diabilità, può avere benefici inaspettati (meditazione).

 

 

Maggiori info QUI.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *