La scelta del pediatra di famiglia

Per sostenere le mamme e le famiglie, è previsto che il pediatra di famiglia visiti a casa, entro 25 giorni dall’iscrizione del bambino nell’elenco degli assistiti, tutti i neonati primogeniti che ha in carico, anche se il bambino è in perfette condizioni di salute.

Inoltre, presso molti consultori è possibile richiedere una visita dell’ostetrica a domicilio o partecipare ad incontri di gruppo post partum, o ricevere consulenza e sostegno rispetto alle tante novità del momento.

 

IL PEDIATRA

L’iscrizione al Pediatra di Famiglia è obbligatoria per tutti i bambini della fascia di età da 0 a 6 anni. Al momento del compimento dei 6 anni, è possibile lasciare il pediatra e passare al medico di medicina generale. I bambini della fascia di età da 6 a 14 anni possono mantenere o richiedere l’iscrizione al pediatra senza alcuna autorizzazione. Per scegliere il pediatra è sufficiente che uno dei genitori si presenti presso un ufficio distrettuale con un documento d’identità, autocertificando i dati del figlio. Al momento della scelta del pediatra, il bambino viene automaticamente iscritto al Servizio Sanitario Nazionale e gli viene assegnato un codice sanitario personale con l’indicazione del pediatra scelto.

I genitori possono scegliere il pediatra tra quelli presenti negli elenchi che non risultino già massimalisti ovvero che non abbiano esaurito i posti disponibili. Per i fratelli e le sorelle del bambino già in carico a un pediatra può essere scelto lo stesso medico, anche in deroga al massimale previsto (900 bambini per pediatra), purché all’anagrafe facciano parte dello stesso nucleo familiare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *